domenica 13 novembre 2011


CASERTA - A quasi due mesi dalla proclamazione dello stato di crisi degli operatori sociali dell’ambito C7, ed a quasi tre settimane dagli impegni presi dal Comune capofila ancora non vi è traccia degli stipendi arretrati, 4 per la precisione e relativi al 2010.
Da un incontro tentuo con gli interessati, è parsa chiara ed evidente non solo l'esasperazione ma la necessità di rivendicare con forza le ormai 15 mensilità arretrate. Gli operatori sociali dell'Ambito C7 non possono fare altro che riprendere l’agitazione, quindi, con la speranza che tutti gli operatori e tutti gl altri Ambiti, intervengano non solo per sanare il pregresso ma per pensare seriamente al futuro visti i tagli che ci aspettano. La persistenza di ben 15 mensilità arretrate , oltre ad impedire di provvedere alla sussistenza personale e dei propri familiari, rende infatti oramai impossibile anche l’affrontare le spese di trasporto per recarsi al lavoro. Contro ogni previsione, probabilmente gli operatori dell’ambito C7 saranno costretti, loro malgrado, ad incorcaire le braccia fino all’erogazione di una congrua parte delle spettanze arretrate, così come concordata nel Tavolo Tecnico del 19 Ottobre u.s., che permetta loro riprendere con dignità e decoro il proprio lavoro. Con la stessa preoccupazione il Segretario Territoriale della UGL di Caserta Sergio D'Angelo esprime solidarieta e supporto ai Dipendenti del Comune di Caserta, anche loro senza stipendio e costretti a manifestare per vedersi riconosciuto un diritto.

Nessun commento: